In evidenza

Sentenza clan Valle-Lampada: partita rinviata al 7 luglio

Era il 21Luglio 2012 quando veniva emessa la sentenza contro la cosca 'ndranghetista dei Valle a Vigevano: 13 condanne e un'assoluzione. Le due condanne maggiori, 24 anni di reclusione al boss del clan, Francesco Valle ed al figlio, Fortunato Valle, arrestati entrambi nel Luglio del 2010 in un maxi-blitz, accusati di associazione mafiosa. Erano stati il centro della 'ndrangheta in campo economico, imprenditoriale e politico in Lombardia. Una condanna a 15 anni e 6 mesi per la figlia del boss, Angela Valle, sette per sua nipote Maria Valle mentre Alessandro Spagnuolo gestore di una stazione di servizio di Vigevano fu assolto dalle accuse. Nel primo blitz fu scoperto anche un vero e proprio bunker munito di un avanzato sistema di videosorveglianza...
Scritto da liberanovara
sabato 1 marzo 2014,
nessun commento

Albachiara: Sentenza ribaltata. Tutti condannati in Appello

Scattate le condanne per 416 bis in Appello ai 19 imputati, finiti alla sbarra in seguito all'operazione Albachiara/Maglio dell'11 giugno 2011. La sentenza ribalta completamente il primo grado, dove venivano assolti tutti in quanto, pur riconoscendo l'esistenza del locale di Bosco Marengo (che controllava i territori tra le provincie di Asti e Cuneo), il fatto non aveva ragione di sussistere per il carattere di non pericolosità del gruppo. Tra i presunti affiliati alla cosca troviamo Bruno Pronestì, il boss, condannato a 7 anni, 6 mesi e interdizione perpetua dei pubblici uffici. Lui stesso aveva ammesso l'esistenza del clan, dissociandosene. Antonio Maiolo a 6 anni e interdizione dei pubblici uffici: è grazie alle intercettazioni dei carabinieri che Maiolo avrebbe rivelato incosapevolmente l'identità...
Scritto da cesares
giovedì 12 dicembre 2013,
nessun commento

Mafia, minacce di Riina al pm Di Matteo: ‘Tutto pronto, lo faremo in modo eclatante’

“È tutto pronto, e lo faremo in modo eclatante”. È l’ultima, gravissima, minaccia, di Totò Riina, ascoltata qualche giorno fa e ritenuta più seria e pesante di tutte le altre: nel carcere di Opera il boss corleonese continua a parlare e quella frase captata dagli investigatori della Dia di Palermo ha fatto scattare domenica l’allarme rosso per Nino Di Matteo, il pm della trattativa Stato-mafia. Nonostante il giorno festivo, il procuratore di Palermo Francesco Messineo e quello di Caltanissetta Sergio Lari, dopo un breve incontro con Di Matteo nel palazzo di Giustizia di Palermo, sono volati con urgenza a Roma per avvertire il ministro dell’Interno Alfano, come impone una norma del codice di procedura penale in presenza di fatti che possono...
Scritto da liberanovara
mercoledì 11 dicembre 2013,
nessun commento

Minotauro, al processo d’appello 49 condanne contro la ’ndrangheta

Torino Si è concluso oggi il processo d’appello contro gli esponenti della ’ndrangheta di Torino arrestati durante l’operazione Minotauro che hanno scelto il rito abbreviato. È finita con 49 condanne, 12 assoluzioni e molte pene ridotte. In un’aula inaccessibile al pubblico hanno sfilato, dietro le gabbie, i vertici dell’onorata società calabrese trapiantata a Torino. Una sfilza di padrini (massima carica della gerarchia mafiosa) e di personaggi di grosso spessore criminale che in primo grado erano stati condannati a 400 anni di carcere. Condanne ai boss confermate seppur con qualche sconto di pena. Adolfo Crea e il fratello Aldo Cosimo condannati rispettivamente a 10 anni e a 8 anni e 8 mesi. Nelle carte dell’inchiesta sono considerati i capi del Crimine, la struttura...
Scritto da liberanovara
venerdì 6 dicembre 2013,
nessun commento

No alla proposta di modifica di legge regionale sulle cave: è un passo indietro nella lotta alle ecomafie

Nel corso di una conferenza stampa tenutasi questa mattina a Torino Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta e Libera Piemonte hanno presentato le proprie osservazioni al Disegno di Legge Regionale n. 364 “Misure urgenti di semplificazione delle norme regionali sulle attività estrattive. Modifiche alle leggi regionali in materia di cave e torbiere” al fine di mettere in evidenza le molteplici criticità che emergono dalle modifiche proposte. Ad oggi il quadro normativo nazionale è fermo al Regio Decreto del 1927 e l'attività estrattiva in Piemonte è regolamentata dalle leggi regionali 69 del 1978 e 44 del 2000, norma, quest’ultima, che prevede l'adozione di Piani delle Attività Estrattive a livello provinciale. Pianificazione territoriale disattesa dalla maggior parte delle Province e dalla Regione che non...
Scritto da liberanovara
domenica 1 dicembre 2013,
nessun commento

News

‘Ndrangheta in Lombardia, sgominata la “Banca d’Italia”. Sequestri di immobili a Meina.

Martedì 4 marzo la Polizia di Stato coordinata dalla DDA di Milano ha svolto un'inchiesta che ha portato all'emissione di...

L’appello conferma: Marcoli era un ostacolo per le mire imprenditoriali di Gurgone

Ettore Marcoli fu ucciso per le mire «espansionistiche e fagocitanti» di Gurgone. Ecco in estrema sintesi il contenuto delle motivazioni...

In Piemonte Libera e Legambiente contro il disegno di legge che fa l’interesse dei cavatori: «a farne le spese solo il territorio e la green economy»

Nel corso di una conferenza stampa tenutasi questa mattina a Torino Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta e Libera Piemonte hanno...

52enne calabrese ritrovato morto nel bagaglio ad Alessandria

ALESSSANDRIA - È stato trovato questa notte nel bagagliaio di un'auto a Lu Monferrato, comune di 1.200 abitanti in provincia di...

Gugliotta: chiesti 16 anni di carcere

"Basta dire: Zambetti Pdl". A parlare è Alessandro Gugliotta, 37 anni, con domicilio ad Arona ed affiliato al clan 'ndranghetista Di...

Engeco srl: richiesta di rettifica

Non solo per legge (ex art. 8 Legge n. 47/1948) ma anche per deontologia, pubblichiamo di seguito il testo della...

Rassegna Stampa

’Ndrangheta, in 24 a giudizio per droga, armi ed estorsioni

Droga, armi (kalashnikov, bazooka e pistole), estorsioni a imprenditori e gestori di sale da gioco, truffe. Tutto aggravato dal metodo...

Cosa nostra americana alleata con l’ndrangheta. Maxi-blitz tra Italia e America

Gli Ursino di Gioiosa Ionica e i Gambino di New York alleati in un traffico internazionale di eroina e cocaina....

Al “market della droga” l’hashish per i ragazzini

Avevano creato a Cerano un vero e proprio supermercato per la vendita della droga, anche a minorenni. Incontravano i loro acquirenti a tutte le...

“Mille euro in cambio di 20 voti”

Indagato per voto di scambio l’assessore comunale all’ambiente, agricoltura e turismo di Torgnon ed ex presidente della società di impianti a fune Sirt, Davide Perrin....

In Piemonte passa il vincolo anti slot machine: a non meno di 500 metri dai centri d’interesse

Consiglio Regionale del Piemonte illegittimo, ma ancora utile per scoccare l’ultima freccia contro quello che certamente ha rappresentato uno dei...

“Gurgone, non è ammissibile quel ricorso in Cassazione”

«Il ricorso in Cassazione di Francesco Gurgone è chiaramente inammissibile perché non c’è alcuna violazione di legge nella sentenza che...

Omicidi a Quarto Oggiaro, la strategia del killer: bacia le mani a chi le merita tagliate

Due parole prima d’iniziare: “Intendo rispondere”. Ora è convinta. Fatta la scelta, il resto viene da sé. Così sarà. “In...